Filtro aria auto, qual è la sua funzione e quando bisogna cambiarlo

Spesso e volentieri quando ci si mette alla guida non ci si rende conto di quanto alcune componenti della vettura siano fondamentali per il buon funzionamento della stessa. Ad esempio, in pochi sanno come anche l’auto abbia a che fare con una vera e propria attività di respirazione. Infatti, al suo interno si trova uno specifico filtro aria auto che svolge proprio tale funzione.

Il filtro dell’aria ha uno scopo di primaria importanza in una vettura, visto che è uno di quegli elementi prioritari per fare in modo che un motore a scoppio possa funzionare sempre nel migliore dei modi. Infatti, questo filtro è in grado di bloccare il passaggio di terra e ogni altra scoria che viene catturata dall’auto durante il percorso di viaggio, fino al motore.

Filtro dell’aria: dove si trova nell’auto?

Per chi non sapesse dove si trova, questo filtro è collocato esattamente sulla testata del propulsore, all’interno di un’apposita scatola di plastica, che rimane agganciata grazie alla presenza di alcune viti, che rendono decisamente semplice l’operazione di controllo e di sostituzione, nel caso in cui dovesse essere necessario.

Una scatola che è ovviamente ermetica, in maniera tale che nessun tipo di materiale o di scoria possa finire al suo interno. In che modo si garantisce tale funzione? Grazie alla presenza di uno specifico materiale in gomma siliconata, che è in grado di bloccare il bordo alla componente del motore a cui è fissata.

Nella maggior parte dei casi, il filtro dell’aria presenta una forma rettangolare, mentre i vecchi modelli potevano contare su un filtro dalla forma rotonda. Nelle vetture sportive, però, è molto più facile vedere dei filtri dalla forma tipicamente cilindrica o conica, come avviene anche nel caso delle moto.

È l’aria che permette al motore dell’auto di garantire delle ottime prestazioni. Nel momento in cui non c’è nessun intoppo da questo punto di vista, ecco che i consumi sono limitati, mentre la sicurezza in strada è sempre più garantita.

I filtri auto FIAT

Tutti coloro che hanno una vettura targata FIAT, sanno che i ricambi originali sono i più adatti e questo marchio propone diversi filtri di elevata qualità. La prima categoria è quella dei filtri abitacolo, che servono a garantire la massima protezione possibile rispetto all’azione degli agenti inquinanti che si trovano nell’aria. La prima sottocategoria di filtri è rappresentata da quelli abitacolo particellari, che hanno come scopo ultimo bloccare non solo i pollini, ma anche le polveri.

I filtri abitacolo combinati a carboni attivi, invece, sono la soluzione perfetta contro gli odori all’interno dell’auto, così come ci sono quelli che fanno parte della linea Mopar Prime che sono perfetti per contrastare i vari allergeni.

Oltre ai filtri abitacolo, ci sono anche i filtri aria, che servono a garantire adeguata protezione al motore rispetto alle impurità volatili. Nello specifico questa particolare tipologia di filtri garantisce un alto livello di efficienza, visto che sono in grado di adeguarsi praticamente ad ogni tipo di motore, mantenendo sia le prestazioni che un livello di resistenza rispetto all’umidità, sempre molto alto.

Comprare dei filtri FIAT vuol dire avere a disposizione dei filtri originali, che sono stati progettati, oggetto di test e sviluppati per fare in modo che le condizioni in ogni utilizzo siano eccellenti. Al tempo stesso, un filtro aria di elevata qualità riesce a garantire un livello di efficienza molto alto, pari al 99%, per bloccare le particelle contaminanti.  I filtri olio, invece, hanno come obiettivo primario quello di conservare pure l’olio motore. Infine, i filtri gasolio hanno la funzione di bloccare il passaggio delle impurità che potrebbero arrivare fino al carburante.

Come si capisce quando il filtro dell’aria è sporco?

Nel momento in cui il filtro dell’aria è colmo di polvere e ogni altro genere di residuo, ecco che ci sono dei segnali di cui ci si può accorgere. Il “sintomo” che si riscontra molto più di frequente è quella della compressione del motore, con una notevole complicazione nell’avviamento, avvertendo anche un rumore tipicamente sordo e che tende allo spegnimento.

Anche quando l’auto funziona e si è in strada si può notare come ci sia un rallentamento e una bassa potenza del motore, mentre il gas di scarico che fuoriesce dall’auto è di colore nero ed emana odori sgradevoli.

In tutti questi casi si deve provvedere alla sostituzione del filtro dell’aria, che si può acquistare anche direttamente in maniera autonoma sul web. Infatti, ci sono numerosi portali, tra cui pezzidiricambio24.it è uno dei più affidabili, che permettono di comprare a prezzi vantaggiosi numerosi pezzi di ricambio per la propria vettura.

Il filtro dell’aria dovrebbe essere sostituito circa ogni sei mesi o comunque due volte all’anno, in maniera tale che il motore rimanga sempre pulito alla perfezione e sia in grado di garantire delle notevoli prestazioni. Certo, sia le condizioni ambientali che il clima possono avere un impatto sulla frequenza con cui si cambia tale componente.

Ad esempio, guidando spesso e volentieri in città, è chiaro che c’è un rischio maggiore che le polveri sottili possano andare a rovinare il motore. Inoltre, la bassa e limitata manutenzione delle strade, spesso la spazzatura e le foglie che si trovano a bordo strada, non fanno altro che peggiorare la qualità dell’aria, diventando un pericolo anche per i motori delle auto.