Il mercato del lusso cresce, soprattutto in Asia

Il mercato dei beni di lusso ha visto molti cambiamenti negli ultimi due decenni. La velocità con cui la scelta dei prodotti da parte dei consumatori sta cambiando, sta inesorabilmente creando un mercato competitivo tra i fornitori di beni di lusso.

Il mercato dei beni di lusso, che comprende sia beni che esperienze di fascia alta, è cresciuto del 4% nel 2019 a tassi di cambio costanti, per un totale stimato di 1,3 trilioni di euro a livello mondiale. I soli beni di lusso sono cresciuti del 4% un equivalente di ben 281 miliardi di euro. Queste cifre provengono da uno studio sul lusso di Bain & Company pubblicato il 28 novembre.

I settori del lusso

Nell’ultimo decennio, i tassi di crescita delle esperienze di lusso hanno anticipato la crescita dei beni di lusso.

Lo studio rileva come quest’anno gli hotel hanno registrato una crescita più contenuta, pari al 2%. Tuttavia, le crociere di lusso sono aumentate del 9% e le vendite di jet privati e yacht sono aumentate del 5%. Non manca l’abbigliamento di fascia alta, come quello venduto su Jole ed altri noti e-commerce di abbigliamento di lusso.

Le auto di lusso rappresentano la più grande sottocategoria studiata nella ricerca, per un totale di 550 miliardi di euro quest’anno. Anche le vendite di automobili sono aumentate del 7% rispetto all’anno precedente, superando la crescita complessiva nei vari settori del lusso.

Quasi tutte le categorie studiate sono cresciute, con l’unica eccezione del mercato dell’arte. Le vendite di opere d’arte sono diminuite del 18% dal 2018, lo studio di Bain attribuisce questa decrescita a una minore offerta sul mercato.

L’Asia traina il mercato del lusso

Il cliente asiatico rimane ancora una volta la chiave del business. Soprattutto il consumatore cinese, che spiega il 90% di quasi tutti gli aumenti. Il mercato cinese continentale crescerà del 26% a fine anno rispetto all’anno precedente, fino a 30.000 milioni di euro. I consumatori cinesi stanno diventando sempre più importanti e già spendono 3,50 euro su 10 che vengono consumati in tutto il mondo.

Nel caso di Hong Kong, il mercato è sceso del 20 per cento quest’anno, a 6 miliardi, colpito dalle proteste in corso, secondo lo studio. In Giappone è cresciuta del 4 per cento, raggiungendo i 24 miliardi di euro, contro il 6 per cento nel resto dell’Asia.

Nel resto del mondo

Lo studio rivela che, negli Stati Uniti, la crescita del mercato del lusso è stata lenta in tutta la regione, ma con un mercato complessivo di 84 miliardi. Anche in Europa ha registrato una crescita lenta dell’1%, con una dimensione di mercato stimata in 88 miliardi di euro. La Spagna e il Regno Unito sono stati tra i paesi con i consumi migliori per questi beni. Nel caso della Germania, il settore del lusso ha risentito del rallentamento.

Le altre aree geografiche rappresentano 12.000 milioni di euro di consumi di beni di lusso, con una diminuzione del 5%. Il Medio Oriente è stato un mercato al ribasso influenzato dalla minore fiducia dei consumatori e dall’incertezza geopolitica.

A livello globale, le vendite online continuano a rafforzarsi e rappresentano già il 12% della quota di mercato, il che, di conseguenza, sta influenzando la rete di negozi fisici, che secondo le stime di Bain & Company raggiungerà il picco di mercato nel 2020.

La sfida per i giovani clienti

Lo studio evidenzia come i millennials (nati tra il 1980 e il 1995) sono stati costanti acquirenti di lusso durante quest’anno, e che già rappresentano il 35% dei consumi. Tuttavia, sarà la prossima generazione (nota come Generazione Z) a rimodellare l’industria, poiché entro il 2035 potrebbe rappresentare il 40% dei compratori di lusso. Questa generazione pone nuove sfide per l’industria, in quanto interagisce in modo diverso con i marchi e ha nuove preferenze.

Bain & Company prevede che la base dei clienti di lusso si espanderà a 450 milioni entro il 2025, rispetto ai 390 milioni del 2019. Questo si deve soprattutto alla crescente classe media, soprattutto in Asia.

In futuro i marchi di lusso dovranno entrare in contatto con i clienti in modo sempre più personale e i prodotti che offrono dovranno saper attrarre le emozioni dei clienti più giovani. Il report sottolinea come nuovi modelli di consumo, l’evoluzione dei canali di distribuzione e il cambiamento dei desideri dei clienti stimoleranno la necessità di un adattamento nel mercato del lusso di certo più rapido di quello attuale.

Fonte: Corriere Della Sera

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.